Intervista all’Arch. Omero Soliman, esperto di benessere abitativo e Feng Shui

24 Dicembre 2017

Durante la conferenza “EDIFICI DI PAGLIA E FENG SHUI” è intervenuto l’arch. Omero Soliman che ha parlato dei concetti base del Feng Shui e del collegamento con gli edifici di paglia.
Il suo intervento può essere riassunto in questo detto cinese: “Se la Terra è fertile e l’abitazione è buona i discendenti saranno prosperi”. Dove per prosperità non si intende solo ricchezza economica, ma si intende soprattutto ricchezza in termini di salute.

L’UOMO TRA CIELO E TERRA

Che lo vogliamo o no, in modo diretto o indiretto, tutto quello che ci circonda influisce costantemente su di noi. Siamo all’interno di un sistema aperto dove interagiamo continuamente con energie di varia natura.

Faccio un esempio: se guardiamo un film alla TV, tutta quella pubblicità martellante è un tentativo di condizionarci, ci condiziona in positivo e negativo.

Questo tipo di condizionamento lo avevano già capito i nostri antenati in Cina. Avevano capito che l’essere umano vive in un sistema aperto, che interagisce con l’ambiente, che  è fortemente ancorato alla terra attraverso le gambe e si innalza verso il cielo. Questo significa che dall’alto arriva un’energia e dal basso arriva qualcos’altro.

L’unione di queste due energie permette che nell’ambiente, quindi nel costruito, ci sia una sorta di equilibrio. Se queste due energie sono in armonia gli esseri umani vivono in salute, se questa unione comincia a non essere più in equilibrio, e quindi l’ago della bilancia comincia a pendere più da una parte o dell’altra, l’essere umano ne risente. Sappiamo che l’inquinamento outdoor sta aumentando e quindi, secondo voi, c’è ancora questa sorta di equilibrio?

Prima di arrivare a rispondere a questa domanda ci chiediamo: di quali energie stiamo parlando esattamente?

ENERGIE DENSE ED ENERGIE SOTTILI

Banalmente, le possiamo distinguere in due tipi, le energie dense e le energie sottili.

Le energie dense sono tutte quelle energie  misurabili con uno strumento. Però esistono anche altri tipi di energie che non sono misurabili attraverso uno strumento, ma sono percepibili dall’essere umano.

Vi è mai capitato di entrare, ad esempio, in una casa e di avere una piacevole sensazione e dire: “Come si sta bene qui!”, oppure, di entrare in un negozio e dire: “Mamma mia, qui dentro sto malissimo, devo uscire!”. Questo è un segnale che il vostro corpo vi manda, non avete capito che cosa è avvenuto ma in qualche modo lo avete percepito.

Il Feng Shui indaga dunque la fisica delle energie sottili, e fa in modo che le energie compatibili con la vita entrino all’interno del nostro involucro edilizio e ci permettano di vivere in salute, prendendo le distanze da quelle che non sono compatibili.

Gli antichi dicevano che prima di costruire è necessario osservare l’ambiente e capire se quell’ambiente ti supporta energeticamente; solo una volta verificato può essere la base per costruire.

Uno dei più grandi architetti della storia, Vitruvio, addirittura scrisse un trattato in merito, raccontando che al suo tempo per valutare l’adeguatezza di un terreno, prima di costruire si lasciava pascolare un gregge di pecore. Dopo qualche tempo a campione se ne prendeva qualcuna, si analizzavano le sue interiora e si vedeva se la sua digestione fosse avvenuta in modo equilibrato. Se così era, quello era un luogo dove costruire, se non lo era si cambiava il luogo dell’insediamento.

Questa attenzione oggi purtroppo è svanita, perché ormai stiamo costruendo dappertutto.

IL COSMO E L’UOMO

La casa, come la Terra, è un involucro energetico che ci protegge da quello che sta fuori, l’outdoor, e preserva quello che c’è dentro, l’indoor.

Quindi non è più sufficiente preoccuparsi solo delle prestazioni energetiche dell’edificio, sempre più richieste, ma sarebbe anche importante occuparsi delle prestazioni biologiche, cioè di come la qualità interna ci permette di preservare la salute.

Serve una progettazione attenta, una scelta di materiali, di colori, di odori, di qualità, di strumentazione.

Ci sono molti più fattori che influiscono sulla nostra salute, noi oggi ci preoccupiamo di più, attraverso la normativa, delle prestazioni energetiche, ma mai delle prestazioni e della qualità interna.

Perché è importante il Feng Shui?

Il Feng Shui non è nient’altro che riscoprire i saperi del passato che i nostri antenati ci hanno lasciato in eredità, contestualizzarli nella progettazione di oggi, con l’obiettivo di ritornare a quell’equilibrio di cui parlavamo all’inizio.

OSSERVARE IL TERRITORIO

Concettualmente gli antenati cinesi dicevano che attraverso l’osservazione del territorio avevano trovato il modo di identificare qual era il luogo propizio dove costruire. La rappresentazione modello era quella del drago e della tigre bianca.

Il drago rappresenta l’energia del sole che sorge e la tigre bianca rappresenta il punto in cui va a morire il sole.

L’energia che arriva porta la luce e poi svanisce, queste due figure animali sono i guardiani delle due fasi. Si tratta di un nodo concettuale importante per capire come costruire correttamente un edificio.

Un esempio può essere un animale all’interno di una tana, alle sue spalle non c’è niente che lo condiziona ed è completamente protetto, ma ha una visione verso l’esterno, potendo controllare la situazione esterna.

Ugualmente l’uomo primitivo stava all’interno di caverne, dove si rifugiava e poteva osservare la natura, cercando di avere un ambiente confortevole e protetto.

Questo è quello che dovremmo fare ancora oggi quando vogliamo realizzare una nuova casa. Dobbiamo sviluppare un edificio che ci protegga dagli agenti esterni, che ci dia anche benefici, portandoci tranquillità e serenità.

Sono molte le persone che costruiscono la loro casa dei sogni senza tener conto che quella costruzione li condizionerà per il resto della vita, e pensando che per loro una qualsiasi casa potrà andare bene.

Invece no, dobbiamo fare attenzione.

Dovremmo vivere in una casa che ci supporti, che in qualche modo ci aiuti a vivere bene, perché ogni casa non è uguale all’altra.

PROGETTARE L’EDIFICIO NEL CONTESTO

Importante è anche la regola dei quattro animali; il primo animale è la tartaruga che ha un forte guscio sulle spalle, una protezione. Gli antenati cinesi sostenevano che a nord ci devono essere delle montagne -la tartaruga- per proteggere il luogo in cui costruire l’edificio.

Alla sinistra c’è il dragone, il punto in cui il sole sorge, a cui corrispondeva solitamente una montagna più alta dalle quali il sole sorgendo portava la sua luce ed energia, all’interno della vallata.

Alla destra è solitamente presente una collina più piccola, con l’obiettivo di mantenere più luce solare possibile, rappresentata dalla tigre. Un corso d’acqua è presente davanti alla casa, dato che l’acqua preserva l’energia.

Quindi il sole porta la luce, questa scende dolcemente e viene raccolta dall’acqua, che porta prosperità e vita. Una leggera protezione è posta davanti all’acqua per evitare che qualcosa possa contaminarla e a sud, di fronte all’abitazione, si trova la Fenice, posizione in cui la casa può avere una veduta molto più ampia.

Pensate alla scrivania di un bambino appoggiata a un muro, questa posizione è ben diversa rispetto ad una scrivania posta di fronte a una finestra, da cui ho una visuale molto più ampia. Laddove non è possibile rispettare completamente gli orientamenti  proposti dal Feng Shui, posso provare a ricreare un ambiente che psicologicamente mi aiuti a stare bene.

Un altro esempio è il seguente; ci troviamo in una situazione urbana in cui ci sono molti grattacieli. Ho un grattacielo più alto alle mie spalle, che viene identificato con la tartaruga, ho un edificio molto più grande alla mia sinistra, dove arriva la prima luce del sole, ho un edificio più basso alla mia destra dove il sole  tramonta, la strada in questo caso è il corso dell’energia e poi ho la Fenice di fronte.

Posso comunque ricreare le condizioni del Feng Shui anche in un contesto attuale fortemente urbanizzato.

EDIFICI IN PAGLIA E FENG SHUI

Nei progetti ecosostenibili adottiamo l’elemento paglia perché è il miglior elemento naturale che possiamo avere per ricreare determinate condizioni, insieme alla forma dell’edificio e all’orientamento.

Ognuno di noi ha un’energia unica e quindi ognuno avrà delle necessità e delle esigenze completamente diverse da qualsiasi altra persona.

Chiudo con questa frase: “Tutto quello che esiste ma non si vede ci dovrebbe interessare poiché ciò che ci circonda influenza costantemente la nostra vita”.

E’ una provocazione, con la volontà di far passare il fatto che se prendiamo consapevolezza e cominciamo ad avere nuove nozioni ed elementi di progettazione, possiamo contrastare l’inquinamento e preservare la nostra salute.

Quello che dobbiamo fare prima di tutto è prendere conoscenza e consapevolezza, affidarci a dei professionisti che da anni studiano questi temi e che ci possano consigliare. Se la progettazione Feng Shui è abbinata all’elemento paglia si ha attenzione agli individui.

Se vi chiedessi di dirmi da 1 a 10 quanto è importante per voi la vostra salute, cosa mi rispondereste? Sareste disposti a investire 10.000 Euro per la vostra salute?

La salute per tutti è importante, ma oggi purtroppo non è una priorità, perché ci sono altri fattori che sono diventata più importanti.

Spero che un piccolo messaggio oggi sia passato e che abbiate compreso un po’ di più l’associazione del Feng Shui con l’elemento paglia.

ASCOLTA il podcast dell’intervista completa